SALDATURA HF

La saldatura ad alta frequenza (HF), anche nota come radiofrequenza o saldatura dielettrica, consiste nel passaggio nel materiale dell’energia HF sotto forma di un campo elettromagnetico (27,12 MHz). L’impianto per la saldatura è tipicamente composto da: un Generatore ad Alta Frequenza, una pressa pneumatica, un elettrodo che trasferisce la corrente di frequenza radio al materiale da saldare e un piano di saldatura metallico, anche adatto a tenere in posizione il materiale.

Il campo di applicazione di questa tecnologia è davvero molto vasto, dipendendo solitamente dalla forma degli stampi, piastre ecc., cioè dei due elettrodi metallici tra i quali viene applicato il campo elettromagnetico. Per il migliore risultato va innanzitutto scelta la giusta pressione da esercitare sul materiale, poi la temperatura, infine il tempo (sia di saldatura che di raffreddamento delle parti).

Il materiale deve avere delle proprietà ben determinate di natura dielettrica; in altre parole, solo alcuni materiali possono essere saldati utilizzando questa tecnica. PVC e PU sono di gran lunga i più scelti siano essi sottili o di spessore più alto, rivestiti o rinforzati od altro; altri materiali (nylon, PA, ABS, PETG) potrebbero essere scelti, tuttavia i parametri di lavoro possono notevolmente peggiorare. Non sono adatti alla saldatura HF, ad esempio, Policarbonato, Polietilene, Polistirene, Polipropilene, PTFE.  Ciò perché la tensione ad alta frequenza deve poter innescare il riscaldamento interno del materiale, senza o indipendentemente dall’applicazione di un aumento di temperatura dall’esterno. Nei materiali adatti il calore generato internamente provoca la fusione dei materiali che si integrano tra loro in maniera definitiva e in tempi relativamente molto brevi.